banner

Consigli specifici per gli automobilisti che percorrono molti chilometri e per le persone che lavorano di notte e/o a turni

graphique vielfahrer

Ferimenti gravi e decessi imputabili alla stanchezza, per età e ora, Ø 1992 – 2008

Il rischio di subire un incidente stradale imputabile alla stanchezza è particolarmente alto per le persone che lavorano di notte e/o a turni, poiché guidano quando di solito dovrebbero dormire. Questo rischio riguarda anche gli automobilisti che percorrono molti chilometri e che quindi passano parecchio tempo alla guida.

Disturbi del sonno e stanchezza non sono una rarità, anzi, tra le persone che lavorano di notte e/o a turni sono uno dei problemi di salute più frequenti.

L’unico rimedio efficace contro la stanchezza è dormire a sufficienza.

Consigli per dormire bene

  • Scegliere una stanza silenziosa: scegliete la camera più silenziosa; staccate il telefono e il campanello e, se necessario, usate i tappi (ad es. Ohropax).

  • Proteggersi dalla luce diurna: evitate la luce diurna dopo il turno di notte, usando ad esempio gli occhiali da sole. Per dormire, oscurate il locale o portate una mascherina. (Contattateci per ricevere la mascherina «turbosiesta» - disponibile fino a esaurimento delle scorte).

  • Preferire temperature fresche: arieggiate bene la camera prima di coricarvi. Mantenete una temperatura fresca anche in inverno.

  • Tenere orari fissi: a seconda del turno, andate a letto e alzatevi possibilmente sempre alla stessa ora. Prima di addormentarvi, prendete il tempo per rilassarvi.

  • Non assumere sonniferi: per quanto possibile, non fate uso di sonniferi. Compromettono la qualità del sonno e possono creare dipendenza.

Consigli per andare al lavoro in tutta sicurezza

  • Dormire a sufficienza: mettetevi alla guida solo se avete dormito a sufficienza.

  • Rinunciare all’auto: per una volta, preferite il taxi o i mezzi pubblici all’auto.

  • Non bere alcol: rinunciate assolutamente all’alcol. Provoca ulteriore stanchezza, soprattutto se assunto in combinazione con medicamenti che possono compromettere la capacità di guida.

  • Fare una turbosiesta: se vi sentite stanchi mentre siete alla guida, fermatevi alla prima occasione e fate un riposino di 10 – 20 minuti.

Consigli per viaggiare sicuri anche durante il lavoro

  • Dormire a sufficienza: mettetevi al volante solo se siete riposati e state bene.

  • Non bere alcol: rinunciate assolutamente all’alcol. Provoca ulteriore stanchezza, soprattutto se assunto in combinazione con medicamenti che possono compromettere la capacità di guida.

  • Alimentarsi in modo sano: mangiate in modo regolare. A pranzo rinunciate a cibi pesanti o ricchi di grassi.

  • Lavori amministrativi: per quanto possibile sbrigate le mansioni amministrative dopo pranzo, quando la sonnolenza si fa sentire di più.

  • Riconoscere i sintomi: bruciore agli occhi, palpebre pesanti, sbadigli frequenti sono sintomi di stanchezza eccessiva. In questi casi è meglio fermarsi.

  • Fare una turbosiesta: fermatevi alla prima occasione e fate un riposino di 10 – 20 minuti.

Consigli per garantire un ambiente di lavoro sicuro anche a chi percorre molti chilometri

  • Pianificare il lavoro: pianificate gli ordini di trasporto in modo da permettere agli autisti di riposare a sufficienza. Le pause non devono servire per le attività di carico o scarico.

  • Comunicare: incoraggiate il dialogo tra il conducente e il superiore per garantire lo scambio di informazioni importanti (assunzione di medicamenti, disturbi del sonno, problemi di salute). Discutete con il superiore dopo un eventuale infortunio e tematizzate la questione della stanchezza quale possibile causa.

  • Controlli medici: offrite ai vostri dipendenti nel contratto di lavoro la possibilità di sottoporsi a un controllo medico. Invitateli ad andare regolarmente dall’ottico per un controllo della vista.

  • Alimentazione: badate a che la mensa offra menù leggeri, pensati per gli autisti. Proponete snack sani e frutta di stagione.

  • Evitare l’alcol: offrite bibite analcoliche (ad es. birra senz’alcol).

  • Promuovere la salute: adottate misure per prevenire la sonnolenza al volante, ad es. orari di lavoro flessibili, attività sportive e di svago.

  • Sistemi di assistenza alla guida: munite i vostri veicoli per quanto possibile di sistemi di assistenza alla guida o scegliete veicoli che già ne dispongono (Tempomat con regolazione della distanza, controllo direzionale). Mettete a disposizione navigatori.